E’ dello scorso anno, la presentazione e commercializzazione del piccolo DAC portatile hip-dac, alla fine del 2021 lo specialista britannico dell’audio iFi ha deciso di aggiornare il suo prodotto con la presentazione del hip-dac2, che secondo la società è dotato di “suono saporito e ricco di dettagli come un delizioso single malt!”.

Il compito di questo piccolo prodotto “da tasca” è quello di aiutare a migliorare l’audio proveniente da un dispositivo come uno smartphone, un tablet o un laptop, sfruttando circuiti con specifiche molto più elevate di quanto i dispositivi sorgente potrebbero mai disporre. Per questo nasce l’hip-dac2.

iFi ha nuovamente scelto di utilizzare un chip DAC Burr-Brown, che come sul predecessore supporta la riproduzione di file audio PCM e DXD a frequenze di campionamento fino a 374 kHz e fino a DSD256. Troviamo miglioramenti soprattutto nella componentistica della sezione audio con un amplificatore operazionale OV personalizzato, condensatori ceramici di classe 1 TDK C0G e un alimentatore a basso rumore di Texas Instruments.

La nuova unità ora beneficia di un chip XMOS a 16 core con prestazioni complessive migliorate, consentendo al contempo al dispositivo di affrontare la decodifica MQA completa, piuttosto che agire semplicemente come renderer, il che significa che invece di eseguire solo lo sviluppo finale, tutte le fasi sono intraprese da l’hip-dac2. La tecnologia audio MQA è stata sviluppata per offrire il tipo di qualità del suono che si otterrebbe da una registrazione master originale in un formato di file abbastanza piccolo per lo streaming e viene utilizzata da piattaforme come Tidal per offrire musica wireless ad alta risoluzione agli ascoltatori.

Anche il reclocker, che ha il compito di rimuovere la distorsione digitale, è stato aggiornato, al fine di ottenere un “suono più puro e nitido”. L’azienda afferma che l’hip-dac2 è in grado di gestire anche le cuffie audiofile più esigenti, e una funzione chiamata PowerMatch nella sezione dell’amplificatore aumenta la potenza del segnale per le cuffie che richiedono più “potenza” per il pilotaggio. C’è anche una funzione per aumentare la risposta dei bassi senza influire sulla gamma media, qualcosa che potrebbe essere particolarmente utile per gli auricolari aperti.

L’hip-dac2 si collega a un dispositivo sorgente tramite USB 3.0 di tipo A (c’è anche una porta USB-C per caricare la batteria da 2.200 mAh) e gli ascoltatori possono collegare le cuffie tramite un jack sbilanciato da 3,5 mm o bilanciato da 4,4 mm. La livrea si caratterizza per una particolare scocca in alluminio arancione, anche se una custodia in finta pelle scamosciata in grigio è disponibile per le persone che non vogliono rischiare danni da trasporto.

L’iFi hip-dac2 misura 102 x 70 x 14 mm e pesa circa 125 g.

Il listino è di circa 200 Euro e si può già acquistare da questo link

Per maggiori informazioni sul prodotto, fate riferimento a questo link

Di Luca Tommolini

Giornalista tecnico per anni sulle principali riviste di Hi Fi ed Hi Fi Car, dal 2016 ho creato questo sito personale per parlare della tecnologia che mi piace e di qualche altro argomento...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: